Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

La letterina del sabato 14 ottobre

Care Amiche e cari amici,

questo placido ottobre scorre tranquillo. Sembrano evaporate le polemiche estive che sono solamente assopite sotto il primo strato di foglie secche, ambiente di ottima mimetizzazione visti i personaggi che le hanno agitate e si apprestano a rianimarle.

Non sono invece ferme le attività pubbliche, quelle positive che pur essendo tali troveranno sempre qualcuno che avrà da ridire qualcosa pur di sentirsi passare il vento tra i denti o di leggersi da solo in bagno la notte.

Il Sindaco ha segnalato, con giusto orgoglio, una importante novità, quella di avere tra i collaboratori del Comune cinque nuovi elementi reclutati attraverso progetti di Servizio Civile Nazionale per il sostegno all’educazione e per la cultura. Il Sindaco giustamente ha sottolineato che è la prima volta che accade a Miglianico.

La letterina del sabato 7 ottobre

Care Amiche e cari Amici,

quel che doveva entrare in questa Letterina potrà attendere. 

Oggi per Viva Miglianico è ancora tempo di festa. Senza clamori ma con gioia oggi ci rallegriamo per le 300.000 visite che ci avete fatto. Un ulteriore traguardo raggiunto è sempre un passo avanti. È vero, festeggiamo ogni tanto, cioè ogni volta che la cifra del contatore espone numeri rotondi. Lo facciamo non per lodarci, non esiste per questo Viva Miglianico. Lo facciamo perché va segnalata la forza con la quale questo spazio di libertà resiste nonostante tutto. Lo faccio perché la festa è vostra, Viva Miglianico vi appartiene, non potrebbe esistere senza di voi. 

E' tempo di musica!

La Musica è tornata a Miglianico, anzi, non è mai andata via. La Cittadina la cui piazza era allietata dalle suonate al pianoforte del professor Tommaso Ciampella, le cui botteghe artigiane erano tanti piccoli palchi d’orchestra, il luogo dove il maestro Ettore Paolini allestì e portò a grande notorietà la “Gioiosa”, la Banda di Miglianico, e il Coro de “La Maggiulàte”, dove è stato dato onore e generosissimo sostegno all’Accademia AMT torna ad essere animato dalla musica. 

Oggi, alle 18,00, presso la sala Civica, verrà presentata la Scuola di Musica curata dall’Associazione Monteverdi, diretta dal Maestro Fausto Esposito, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo e con il patrocinio del Comune. 

La letterina del sabato 30 settembre

Care Amiche e cari Amici,

questa paginetta avrebbe dovuto essere tutta dedicata al nostro quinto compleanno. Invece, come sempre accade, qualcosa arriva, qualcosa mi viene segnalato, qualcosa scopro e devo condividerla con voi.  

Tralascio altre note che spero di poter presentare e commentare già nei prossimi giorni ma non posso evitare di parlarvi di una vicenda che sinceramente mi ha lasciato alquanto sconcertato. 

Il protagonista è il senatore Antonio Razzi. 

La letterina del sabato 23 settembre

Care Amiche e cari amici,

nella Letterina di sabato scorso vi avevo anticipato l’approssimarsi di un qualcosa che fino a pochi mesi fa sembrava quasi impossibile. Confesso che mentre scrivevo era ancora un fatto la cui realizzazione era molto difficile. Poi le difficoltà si sono sciolte e l’impossibile è diventata semplice realtà, grazie alla generosa tenacia di un uomo, di un Amico.

Il fatto non è eclatante, se visto nella sua dimensione concreta. Però si può presentare e si è presentato in modo tale che ancora c’è chi lo ritiene degno di speculazioni e dietrologie.

Qual è questo avvenimento?

Ve ne parlerò dopo.

Voglio e devo segnalare prima un paio di cosette che rischiano di esser trascurate quando invece sono di rilevante importanza.

La letterina del sabato 16 settembre

Care Amiche e cari Amici,

ho scelto solo pochi tra gli argomenti di riflessione possibili per questa Letterina di metà settembre. L’ho fatto perché la stessa scelta ha il suo significato essendo il termine concreto di un procedimento che porta alcune, poche cose ad evidenza e ne accantona altre, non dico scartandole ma semplicemente collocandole nel luogo delle cose tante e delle tante cose senza dignità di speciale attenzione.

Lunedì scorso si è riaperta la scuola.

La letterina del sabato 9 settembre


Care Amiche e cari Amici, 

è uno strapazzo di emozioni quello che in questi minuti sembra prendersi gioco di me rimescolando i caratteri della tastiera e facendo arrivare alle dita il tremito palpitante di questo povero cuore.  

Sento ancora la commozione, vera, profonda e intensissima per la Festa della Madonna delle Piane, un appuntamento che vivo in modo particolarissimo per motivi personali e che è nella mia carne anche per ricordi molto belli che risalgono sin dai tempi dell’infanzia. A dispetto delle mode festaiole e delle crude esigenze di bilancio che sempre più preoccupano i Comitati Feste, la ricorrenza della Madonna delle Piane resiste egregiamente all’usura del tempo e degli effimeri capricci, imponendosi per la sua specialissima valenza religiosa e tradizionale. A differenza di altri eventi simili non ha una numerosa e potente contrada che la impone; non ha munifici sponsor che la sorreggono; non sgomita all’inizio dell’anno quando si fanno i programmi nelle prime riunioni del Comitato Feste. Eppure, da più di cento anni, da quel 1858 nel quale fu ritrovato il quadro della Madonna dopo una piena del Foro, questa Festa ritorna, piccola ma irresistibile. Oggi si fa forte non del richiamo di grandiosi stand gastronomici né di rinomati cantanti o gruppi musicali ma della devozione semplice e sincera a Maria Vergine e Madre di Cristo nel giorno che ricorda la sua nascita. 

La letterina del sabato 2 settembre

Care Amiche e cari Amici,

i silenzi e soprattutto le parole in libertà di questa estate che sta finendo meritano alcune tra le riflessioni di oggi. Parole e silenzi si intrecciano soprattutto intorno al cantiere del riedificando Municipio ma poi vanno oltre e svolazzano su più di una pagina aperta sotto il caldissimo sole delle scorse settimane.

Il caso più simpatico è quello del prof. Vittorio Sgarbi.

La letterina del sabato 26 agosto

Care Amiche e cari Amici,

sono iniziate le grandi manovre in vista delle prossime elezioni comunali. Si svolgono all’aperto, sotto gli occhi di tutti ma in modo tale che quasi tutti non se ne accorgano, oltre che nelle segrete stanze dove si tengono incontri e confronti sempre più serrati. Il turno elettorale per le comunali, come sapete, è previsto per la primavera del 2019. Non pensate che sia un appuntamento così lontano, tutt’altro! L’anno prossimo saremo già in pieno clima pre-elettorale. Allo stato attuale le situazioni in movimento riguardano sostanzialmente i tre schieramenti rappresentati in Consiglio comunale. Potrebbe venir fuori un qualcosa di nuovo, ma sarebbe solo un accidentale frutto di una spaccatura dei tre raggruppamenti esistenti.

La letterina del sabato 19 agosto

Care Amiche e cari Amici,

la settimana di Ferragosto è stata senza grandi eventi ma non senza opportunità di riflessione.

Siamo ancora immersi in quel tranquillo ondeggiare tra cose da fare che volutamente non si fanno e cose piacevoli che si inseguono senza affanno. Questo è l’ozio vacanziero, la pausa che consente di ricaricare energie e spirito.

Anche questa Letterina sarà più agile del solito.

Si può fare: dipende da quanto vale a Miglianico l’Uomo rispetto alla macchina

Tra le altre curiosità che saranno oggetto della Letterina di sabato prossimo ce n’è una che val la pena staccare per anticiparla. Molti l’avranno appena notata con la solita indifferenza che si riserva alle cose che ti passano sotto il naso.

Domenica pomeriggio, per segnare il percorso della Miglianico Tour in via Roma, sono stati posizionati dei bei manufatti in acciaio che, allineati uno dopo l’altro e collegati tra loro con una semplice fune, hanno delimitato la pista della corsa dallo spazio destinato ai pedoni e agli spettatori. È stato sempre fatto questo lavoro di demarcazione, prima con i tubi Innocenti, poi con paline gialle inchiodate a terra, dopo con le transenne e nastro bianco rosso, ora, da un paio d’anni, con queste eleganti paline luccicanti come la loro base circolare. 

Se si vedono le immagini si capisce che si può fare.

La letterina del sabato 12 agosto

Care Amiche e cari Amici,

è già Miglianico Tour. La nostra corsa di agosto, della quale sappiamo tutto o quasi, occuperà con le sue gare il pomeriggio e la sera di domani, inoltrandosi nella notte che si concluderà con il classico pasta party, anzi con l’irresistibile profumo di pasta aglio olio e peperoncino.

Sarà ancora un giorno di sport e di festa, un momento di amicizia e di amore per Miglianico. Ci riempiremo gli occhi di bambini caracollanti che sgambettano lungo via Roma, applaudiremo come sempre anche chi non ha vinto, urleremo il nostro incoraggiamento a parenti e amici che sbuffano sudati verso il traguardo, commenteremo tutto allegramente vivendo una giornata bellissima, la quarantasettesima della serie.

I nostri passi si fanno preghiera e la preghiera scandisce il nostro passeggiare accanto a San Pantaleone. Domani sera la processione da Miglianico alle Piane

Ci apprestiamo a tornare su antichi passi lungo la strada della devozione verso il nostro Santo Protettore, San Pantaleone.  Domani sera, alle 20,30 muoveremo dal Santuario che guarda la sua terra portando la statua nella cappella eretta sotto la guida dell’indimenticato don Vincenzo, in località Caramanico di Contrada Piane San Pantaleone. Là il culto del Santo arrivò grazie ai monaci Basiliani. Proprio lì, vicino al Foro, quella stessa statua lignea di marcato stampo bizantino fu nascosta in una fornace al fine di sottrarla alla furia iconoclasta dei Turchi che invasero queste terre sul finire del XV secolo. 

“La tradizione è una innovazione ben riuscita” (O.Wilde)

Care Amiche e Cari Amici, 

vi avevo preannunciato una possibile appendice alla Letterina di sabato 5 agosto, perché il giudizio sulle Contrade del Piacere 2017 non poteva esser dato compiutamente essendo la manifestazione ancora in corso. Benché sollecitato a scrivere queste poche righe, avevo quasi deciso di rinviare la riflessione ad un momento più lontano dalla conclusione della bella kermesse che abbiamo vissuto anche quest’anno grazie all’impegno generoso e tenace della nostra Pro Loco. Con questo clima, il commento sarebbe stato inevitabilmente a caldo, ma metter qualche giorno in più tra il fatto e la valutazione non sarebbe stato esagerato. Così come sarebbe intempestivo parlare della prossima traslazione, prevista per venerdì 11 agosto, della Statua di San Pantaleone dal Santuario alla chiesetta votiva di Località Caramanico di Piane San Pantaleone che forza la tradizione e cerca di imporne una innovazione non ancora adeguata.  

La letterina del sabato 5 agosto

Care Amiche e Cari Amici,

più che a certi fatti o a fatti certi questa Letterina è dedicata alle Persone, o meglio, ad alcune Persone speciali. 

Le prime, anche se le meno importanti in questo frangente, sono i Consiglieri comunali di opposizione che ier l’altro hanno approvato insieme alla maggioranza l’assestamento di bilancio 2017. Si tratta del documento con il quale l’Amministrazione comunale, a metà anno, può ricalibrare alcune scelte fatte e messe nel bilancio annuale. L’aver approvato quella delibera significa che l’opposizione condivide totalmente le scelte della maggioranza. È un fatto positivo che certifica una cosa: tutti i Miglianichesi rappresentati in Consiglio comunale approvano le scelte dell’Amministrazione in carica. Gli stessi consiglieri, in apertura dei lavori, erano stati richiamati comunque dal Sindaco, Fabio Adezio, come riporta la delibera con le comunicazioni del sindaco. In relazione alle note polemiche sul confronto pubblico proposto fuori tempo e da farsi sul futuro della nostra piazza, il Sindaco ha invitato i consiglieri a non inseguire i social ma a confrontarsi con chiarezza nella sede per loro la più opportuna, cioè il Consiglio comunale. Non so ancora che reazioni ci son state. Staremo a vedere. 

Vengo alle Persone davvero speciali delle quali voglio occuparmi in questa Letterina.  

Miglianico in vetrina

Sono caldi anche di impegno organizzativo questi primi gironi d’agosto. Tutti ci siamo accorti dei preparativi che hanno annunciato l’edizione 2017 delle Contrade del Piacere. Qualcuno ha anche notato altri preparativi per un evento meno roboante ma che, da anni, ha la sua specifica importanza. 

Ieri sera Miglianico è stata meta di uno degli appuntamenti più caratteristici dellAccademia Italiana della Cucina (AIC), Istituzione culturale della Repubblica Italiana, presente anche a Chieti come in tutto il mondo con una sua Delegazione. Si tratta della “Conviviale degli sfigati di ferragosto”, il nome è stato mutuato da una iniziativa inventata nel secolo da Giovanni Goria, Delegato di Asti, e fotografa non il fatto che si riuniscano dei poveracci senza nulla da fare ma la condizione di chi non partecipa ad un evento molto bello, che, per l’appunto, fa ritenere sfigato chi non vi partecipa.

La letterina del sabato 29 luglio

Care Amiche e Cari Amici, 

abbiamo ancora negli occhi i riflessi festosi dei fuochi d’artificio che hanno concluso le Feste Patronali di quest’anno ed è già tempo di accompagnarle con qualche riflessione, non senza dimenticare che ci sono altre feste che si avvicinano. Non ci saranno invece certi divertimenti popolari. L’arena di mezza estate immaginata, ideata, proposta anche sperata da certuni è rimasta irrealizzata.

La letterina del sabato 22 luglio

Care Amiche e Cari Amici,

la speranza di poter ragionare con calma su uno o due argomenti soltanto viene vanificata da eventi che sopraggiungono e che impongono di avere un proprio spazio su questa Letterina. Non è un fatto negativo, anzi. La vivacità è bella, anche se a volte è segnata un po’ troppo dalla esuberanza di frequentatori di social che sembrano dedicare la maggior parte del proprio tempo pensando di scrivere cose di grande impatto, decisive anche per le sorti mondiali, comunque intelligentissime ma riuscendo solo a dimostrare di essere cretini illuminati da lampi di imbecillità. Alcuni di questi scelti soggetti sbucano fuori con i più vari pretesti pur di postare commenti, a loro parere, trancianti sul Sindaco, sull’Amministrazione comunale, sulla Pro Loco e su altre realtà che, invece, a differenza di quei digitatori di sciocchezze assortite sono impegnate nel fare.

Leggere, riflettere, discutere, rallentare: la proposta del "Cenacolo Letterario"

Non è mai semplice presentare un'attività in cui si è coinvolti fortemente, che si è organizzata per settimane con cura ed attenzione, ben consapevole che si sta proponendo qualcosa che nel panorama contemporaneo ha poco appeal: eppure, grazie allo straordinario team che riunisce il Gruppo di Studio per la Promozione della Cultura, voluto dall'amministrazione comunale e dal sindaco Fabio Adezio, dopo settimane di confronti e di discussioni, il primo evento che questa "commissione" propone ha il sapore del sogno che si avvera.

Domani sera, infatti, partono i "Cenacoli letterari" che coinvolgeranno di volta in volta tutte le piccole realtà di ristorazione di Miglianico e che metteranno al centro dell'attenzione i grandi autori della letteratura, famosi o misconosciuti.

San Pantaleone negli occhi dei nostri piccoli artisti e nella storia sconosciuta raccontata dagli ex-voto. Una mostra due volte emozionante

In occasione delle Feste Patronali ma rispettando il calendario religioso, quello che le apre con la celebrazione della Novena a San Pantaleone, è stata ideata e realizzata una mostra davvero emozionante, anzi due volte emozionante. Allestita nella suggestiva cornice della Cripta del Santuario, è stata aperta lunedì scorso e lo resterà fino al 28 luglio, ogni sera, dalle 19,00 alle 22,00.

Si tratta, in realtà, di due mostre, di un doppio itinerario contenuto in una visita irrinunciabile, il che raddoppia l’emozione.

Joomla templates by a4joomla