Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Buon Compleanno!

Oggi è festa per “Viva Miglianico”, per i miei ventitré lettori e per chi ama la libertà. Festeggiamo i primi otto anni di vita. È sempre bello fare festa. È giusto far festa quando si possono contare traguardi come questo. Il trenta settembre di otto anni fa nessuno avrebbe scommesso un centesimo sulla nostra longevità. Ma tutte le cose che nascono per provare a far qualcosa di buono hanno un’energia che non si esaurisce facilmente.

 

C’è stato e c’è chi non ha amato mai, non ama e non riesce ad accettare l’esistenza di questa voce libera. È un errore. E chi lo ha commesso e lo commette paga ogni giorno le conseguenze, perché vive di rabbia e di rabbia non si vive bene. Nonostante qualche difficoltà, qualche fatica, una serie di maledizioni che, ovviamente, non ci colgono, siamo stati presenti con voi per tremila giorni. Sono stati giorni di notizie, riflessioni, ricordi, anticipazioni, piccole provocazioni, memorie in onore di grandi Concittadini, commenti, racconti e operazioni culturali come il fatto di usare il Miglianichese su questi canali di comunicazione; cosa mai fatta; una cosa nuovissima.

Attorno alla torta di questo compleanno invitiamo tutti, a partire dai miei eroici ventitré lettori, chiamando tutti gli altri e lasciando posti comodi e tante fette di torta a quei cretini, a quegli imbecilli, a quegli analfabeti volontari e in mala fede che hanno avuto la faccia tosta di andar dicendo che qui si parla male di tutti. Lo hanno fatto senza mai portare una sola prova, perché non c’era. Lo hanno fatto mostrando la loro miseria morale. Ma sono invitati lo stesso e hanno posti d’onore, così possono capire, possono lasciar cadere la rabbia e possono vivere meglio, come fanno le Amiche e gli Amici di Viva Miglianico.

Evviva!  Auguri! Evviva!           

 

Bon’compleanne! 

 

Uj’è ffeste pe “Viva Mijàniche”, per le vintitré littur’a mi e pe chi ama la libbertà. Fistiggeme li prim’e ott’anne di vite. Jè semore bbelle a fa feste. E’ jùste a fa fete quande se pònne cuntà trauàrde come queste. Lu trent’a di settembre di ott’anne fa nisciun’avesse scummesse nu centesime su la nostra longevità. Ma tutte le cose che nàscene pe pruvà a fa caccose di bbone tenne ‘n’energie che nen z’esaurisce facilmente. Ci’ha steate ci sta chi nn’ha maj’amate, non ama e nn’ariesce a’ccettà l’esistenze di stà voci’a libbere. E’ n’errore. E chi l’ha cummesse e li cummette pahe ugne jurne le conzeguenze picchè vive ci raje e di raje n‘zi vive bbone.

Nonostande cacche difficoltà, cacche fatiche, na serie di mmaledizziùnie che, ovviamente, nen ci coje, seme state presente nghe vù pe tremila jurne. Hanne state jurne di nutizie, riflessiune, ricurde, anticipaziune, piccole pruvucazione, memorie in onore di grandi Cuncittadine, cummenti, raccunte e anche uperazione culturale come lu fatte di usà lu Mijanichese, sopr’a sti canale di cumunicazione, cosa ma’ fatte, ‘na cos’a nuovissime. 

Attorn’a la torte di stu cumpleanne ‘nvitème tutte, a partì da l’eroice vintitré lettur’a mi. Chiamenne tutte l’itre e lassènne puste cùmede e tante fette di torte e chi li cretine, a chi li ‘mbicille, a chi li analfabbete vuluntarie e in mala fede che hanne tinute la faccia toste di ji dicenne ca quà si parle male di tutte quinde. L’hanne fatte senz’a mà purtà na prove, picché n’ci steve. L’hanne fatte mustrenne la miseria morale che tenne. Ma son’ammitate e tenne puste d’onore, accuscì ponne capì, ponne lassà cascà la raje e ponne vive meje, com’a fanne le Amiche e l’Amice di “Viva Mijàniche”.

Evvive! Augurie! Evvive!   

Joomla templates by a4joomla