Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Letterina del sabato 31 ottobre 2020 / La Littirine de lu sàbbete trentune di uttobbre ddumil’e vinte

Categoria: Notizie
Pubblicato Sabato, 31 Ottobre 2020 11:24
Scritto da Maurizio
Visite: 221

Care Amiche e cari Amici,

mi sto sforzando, come tutti voi, di mettere ottimismo in questi giorni non facili che sembrano esser i primi di altri difficili e molto difficili. Perciò cerco di dare risposte positive a certe domande. Preferisco fare la figura dello stupido piuttosto che essere troppo disinvolto nella distrazione e nella indifferenza. 

Sabato scorso, 24 ottobre, ho trovato il mercato in piazza. La sera precedente, visto quel che era stato già deciso e che si stava per decidere, ero convinto che il mercato non ci sarebbe stato.

 

Domenica mattina, Festa della Venuta di San Pantaleone, invece ho trovato la banda ma non il mercato. Ho chiesto come mai. Mi è stato autorevolmente risposto che quello del sabato è classificato “mercato settimanale” ed è ancora possibile farlo. Quello della Festa locale, invece, è classificato come “fiera” e non è possibile farlo. La spiegazione non fa una piega. Il buonsenso invece non è facile piegarlo in certi casi e l’autorevole spiegazione non lo convince. Le bancarelle del sabato e quelle della “fiera” della Festa sono sostanzialmente le stesse, con l’aggiunta di due o tre bancarelle di noccioline e un paio di mini-bazar gestiti da simpatici immigrati. Non penso che queste poche aggiunte possano essere le cause di un contagio. Ho obiettato che spostare il mercato settimanale alla domenica, per una volta, sarebbe stata la soluzione più giusta. Mi hanno detto: "Eh, mica è facile!". Ho risposto: "Lo so, ma si può fare". La Venuta, parafrasando la nota pubblicità, quando viene, viene; insomma, non è una festa a sorpresa. Però, ripeto, in questi giorni non facili ho accettato la parte positiva di quelle risposte e son tornato a casa con la mia busta di noccioline acquistata dal “monopolista” di quel giorno senza mercato.

Nella catena di decreti e di ordinanze, è arrivato ieri l’altro il provvedimento del Governatore della Regione che una cosa buona, in parte, la stabilisce: non si può festeggiare Halloween, ma solo dalle 18 in poi come fosse un evento da bar. Il problema è che il rischio di questo caos fatto di “dolcetto o scherzetto” è uguale sia prima sia dopo le 18. Halloween andava vietata e basta. Le zucche son buonissime da mangiare non andrebbero certo buttate. Halloween, questa festa di importazione che svaluta le zucche, andrebbe semplicemente eliminata, da ora e per sempre. Ma so che non si può fare. Perché? Perché muove troppi soldi e non son pochi quelli che ci guadagnano.     

Sempre secondo l’ultima ordinanza di Marsilio, si potrà andare al cimitero domani e lunedì: basterà avere la mascherina e stare attenti al distanziamento. Dove sarà possibile verrà misurata la temperatura corporea all’ingresso Sono state vietate solo le cerimonie religiose. Don Gilberto aveva ha già annunciato otto giorni fa che non ci saranno sante Messe né il primo né il 2 novembre al cimitero. Le sacre funzioni per la Festa di tutti i Santi e per la commemorazione dei Defunti ci saranno regolarmente in chiesa. I morti, compresi i nostri morti risorgeranno anche se per un anno non andiamo a Messa al cimitero.

Accettando tutto il positivo che c’è, ho pensato e penso che domani il cimitero dovrebbe restare chiuso. Perché? Perché domani potrebbe esserci davvero tanta gente al cimitero: sarà domenica, sarà bel tempo, abbiamo avuto non pochi morti nelle ultime settimane che hanno destato tanta commozione. E gli spazi tra le tombe e nelle cappelle è di pochissimi centimetri. Come si fa a mantenere il distanziamento!? Ci sarà la nostra eccellente Protezione Civile, è vero. Quanti volontari della Protezione Civile occorreranno per far filtro ai diversi accessi e soprattutto per vigilare ogni singola area del cimitero? Ce ne vorranno tanti, per almeno due turni consecutivi. E, per quanto tanti potranno essere - ma così tanti non potranno essere - il rischio di mancato distanziamento resterà alto. Non facciamo finta di niente. Insisto nel ritenere che i cimiteri andrebbero chiusi proprio domenica primo novembre, almeno domenica, che è poi la Festa di Tutti i Santi e non la giornata per la Commemorazione dei Defunti. I fiori si possono portare oggi, lunedì ma anche nei prossimi giorni. I fiori saranno acquistati, tutti, e così pure ceri e lumini. L’omaggio verrebbe fatto tutti intero. Il rischio contagio sarebbe più basso. O no?

Spero di non ricevere accidenti soprattutto da parte di chi, per vuoto spirito polemico, dimenticherà il rispetto per i defunti facendone pretesto per stupide chiacchiere.

L’altro ieri qualcuno ha finalmente ammesso che buona parte della seconda ondata di contagi viene dall’aver fatto fare il referendum a fine settembre. Bene. Ma è tardi. Probabilmente sapevano del rischio ma hanno giocato sulla riapertura delle scuole per nascondere questo errore, o meglio, questa fesseria. Quel referendum così ha fatto due danno epocali: uno democratico e l’altro sanitario. Complimenti!

A Miglianico c’è chi ha dimostrato una cautela. È la neo(ri)nata Accademia musicale “Mellianum”. Ha deciso di rinviare l’inaugurazione della nuova sede miglianichese di quella che è ancora una realtà formalmente legata alla località a sud di Miglianico, un vizio che contiene l’innesco della fine e che quindi che va corretto. 

La cerimonia di inaugurazione della nuova sede in via Sud, concessa dalla Famiglia De Felice, era prevista per oggi pomeriggio. Si terrà appena possibile, ovviamente.

Una inaugurazione è sempre una cosa bella. Inaugurare una realtà culturale, soprattutto musicale, è una cosa bellissima. La musica è arte e ha superato tutte le guerre della storia. Vincerà anche questa.

Buona Domenica.       

         

______________________________________________________________________________

 

Car’Amiche e car’Amice,

mi stengh’a sfurzà, come tutte vu, di mett’ottimisme in questi ggiorni non facili che sembrene esser li prime di atre difficile e molto difficile. Perciò prove a dà risposte pusitive a certe dumande. Preferische fa la fihure de lu stùpide chiuttoste che essere troppe dinsinvolte ne la distrazzione e nell’indifferenze.     

Sabbet’a passate, vintiquattre di uttobbre, so truvate lu mircate ‘n piazze. La ser’a prime, viste quelle che avè state ggià decise e che si steve pi decide, ere cunvinde ca lu mircate nen ci’avesse state. Dumenic’a mmatine, Feste de la Vinute di Sande Pandalone, immece so truvate la bbande ma non lu mircate. So chieste come ma’. M’ha state autorevolmmente risposte ca quelle de lu sabbete jè classificate “mercate sittimanale” e jè angore pussibbile farle. Quelle de la Festa lucale, immece, jè classificate “fiere” e nne jè pussibbile farle. La spiehazzione nen fa na pieghe. Lu bbuonsenze immece nne jè facile da piehàerle in certe case e l’autorevole spiehazzione nne le cunvince. Le bancarelle de lu sabbete e quille de la “fiere” de la Feste jè sostanzialmente li stisse, nghè l’aggiunde di ddu o tre bancarelle di nucelle e nu pare di mini-bazzarre ggestite da simpatic’immigrate. Non penze ca che le puch’aggiunte ponn’esser la cause di nu cuntagge. So ubbjettate ca spustà lu mircate sittimanale a la dumeniche, pe’ na vote, avesse state la soluzzione cchiù ggiuste. M’hanne ditte: <Eh, mich’è facile!>. So risposte: <Le sacce. Ma si pò fa’>. La Vinute, parafrasenne la not’a pubblicità, quande ve’, vè; inzomme, nne jè ‘na fets’a sorpese. Però, ripete, in questi ggiorni non facile so accettate la parte pusitive di che le risposte e mi ni so a’rijte a la case nghe la bbusta me de le nucelle cunprate a lu “munupuliste” di che lu jurne senza mircate.      

Ne la catene di dicrite e di urdinanze, à’rrivate l’atru jire lu pruvvidimende de lu Guvernatore de la Reggione che ‘na cosa bbone, ‘n parte, li stabbilisce: nen zi po' fistiggià Allouhìnne, ma sole da le diciòtte in poi coma fusse un evende da bbarre. Lu prubbleme jè ca lu rischie di stu caosse fatte di “dulcett’o schierzette” jè uguale sia prime sia dope li diciòtte. Allouhìnne dev’a esser vietate e bbaste. Le checocce jè buonissime da magnà, nne jesse certe jttàte. Allouhìnne, ‘sta feste d’impurtazzione che svalute le checocce, adess’a essere simplicemente eliminate, da mò e pi ssembre. Ma sacce ca nen zi po' fa. Picché? Picchè smove truppe solde e nne jè puche quille che ci uadàgne.    

Sembre seconde l’utim’urdinanze di Marsilie, si potrà jì a lu campesande dumane e luniddì: avastarrà tinè la mascherine e a st’attende a lu distanziamende. A ddò sarà pussibbile verrà misurate la febbre all’ingresse. A’ state vietate sole li cirimonie riliggiose. Don Ggilberte avè ggià ’nnunciate otte jurne fa can en ci saranne sande Messe nnè lu prime nnè lu ddù di nuvembre a lu campesande. Le sacre funzioni per la Feste di Tutte li Sande e pi la Cummemurazzione di li Defunte ci staranne regolarmente a la cchise. Li murte, cumprese quell’a nustre risorgeranne pure se pe n’anne ne jamme a la Messe a lu campesande.     

Accittènne tutte lu pusitive che ci stà, so pinzate e penze ca dumane lu campesande avess’a stà chiuse. Picché? Picchè dumane ci putesse stà addavere tanda ggente a lu campesande: sarà dumeniche, farà bbelle tembe, avem’avute non puche murte ne le l’utime sittimane che hanne distate tanta cummuzzione. E li spazie tra le tombe e dentr’a le cappelle jè di puchissime cintimitre. Com’a si fa a mandinè lu distanziamende!? Ci starà la nostr’a eccellende Prutezzione Civile, jè lu vere. Qand’a vuluntarie de la Prutezzione Civile ci vorranne pe fa filtre a li divers’accesse e soprattutte pe viggilà ugne singola area de lu campesande? Ce ne vorranne tande, pe almene ddù turne cunzecutive. E, pe quanda tande potrann’essere - ma ccuscì tande nen putranne essere - lu rischie de lu mancate distanziamende a’rimarrà avete. Nen faceme finde di nijende. Inziste nel ritenere ca li campesande adesser’a essere chiuse proprie dumeniche prime nuvembre, almene dumeniche, che po’ jè la Feste di Tutte li Sande e nnò la jurnàte per la Cummemorazzione de li Defunde. Li fiure verrann’acquistate, tutte, e ccuscì pure cir’e lumine. L’omagge vinesse fatte tutte’intere. Lu rischie cuntagge sarebbe cchiù vasse. O no?  

Spere di nn’a riceve accidinde soprattutte da parte di chi, pe vuote spirite pulemiche, dimenticherà lu rispette pe li defunde facendone preteste pe stupide chiacchiere.

L’atru jire cacchedune ha finalmend’ammesse ca bbona parte de la second’ondate di contaggi vè da l’avè fatte fa lu referendumme e fine settembre. Bbene. Ma jè tarde. Probbabbilmnete  sapevene de lu rischie ma ànne jucate su la riaperture de li scole p’a’nnasconne ‘st’errorre, o meglie, ‘sta fissarije. Che lu referendumme accuscì à fatte ddù dann’epocale: une democratiche e l’atre sanitarie. Complimende!

A Mijàniche ci stà chi à dimustrate ‘na cautele. Jè la neo(ri)nate Accademi’a musicale “Mellianum”. A’ dicise di rinvià l’innaugurazzione de la nova sede mijanichese di quelle che jè angore ‘na realtà furmalmente lehate a la località a sudde di Mijàniche, nu vizie che cuntiene l’innesche de la fine e che quinde và currette.

La cirimonie di innaugurazzione de la nova sede di via Sudde, cuncesse da la Famije De Felice, ere priviste pe ogge pomerigge. Si terrà appen’a pussibbile, uvviamende.

‘Na nnaugurazzijone jè sembre ‘na cos’a bbelle. A’nnaugurhà ‘na realtà culturale, soprattutte musicale, jè ‘na cos’a bellissime. La musiche jè ‘n’arte e à superate tutte le uherre de la storie. Vincerà pure queste.

Bbona Dumeniche.