Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Oscurantismo comunale. Una bellissima sorpresa…al buio.

Categoria: Notizie
Pubblicato Venerdì, 21 Giugno 2013 13:57
Visite: 1163

Lunedì sera, con il giusto ritardo sulle previsioni che ci erano arrivate via sms, la nostra Marching Band è tornata dalla “missione” in Polonia con il trofeo del 3° posto conquistato alla rassegna delle bande che si è svolta in quella parte d’Europa la settimana scorsa.

L’accoglienza era un po’ preparata: lo striscione di benvenuto, retto dal chi del gruppo non era potuto andare, il sindaco abbronzato reduce dalle spiagge del Salento, praticamente solo, senza nessun assessore né consigliere comunale (non c’era, non c’era neanche la plenipotenziaria assessora Catia Giovina Mattioli). C’eravamo noi: genitori, nonni, zii, sorelle e fratelli dei nostri bravissimi bandisti. Noi che sosteniamo con passione e impegno, anche finanziario, questa bella realtà. 

 

I ragazzi son scesi dal pullman col loro strameritato trofeo e hanno cominciato a cantare l’Inno di Mameli, cantandolo bene, a gran voce, e saltando come non ho visto fare mai neanche negli stadi di calcio.

Che bello! Che gioia!

Peccato che questa sorpresa gioiosa e queste tracce vivissime di futuro sono state un poco oscurate. I nostri ragazzi vittoriosi hanno cantato a ballato praticamente al buio, via, in penombra.

Infatti il pullman copriva la luce dalla piazzetta e, nonostante il generoso e disinteressato contributo illuminotecnico del “Kadò Bar”, il centro della piazza era buio, più del solito.

Per fortuna c’erano stelle bellissime, cioè la luce degli occhi dei nostri ragazzi e quella luccicante di commozione delle mamme.

Del resto, va capito l’angolo buio emerso da questo evento. Ha fatto scoprire la filosofia che ha ispirato il progetto della ripavimentazione del centro urbano: realizzare la più costosa toilette per cani del mondo, di classe, discreta, con luci soffuse.